logo comun-icare
 

La gioia della danza classica per raccontare alcune fiabe indimenticabili

E proprio quando le fiabe incontrano il mondo della danza, il balletto diventa proprio come un libro da sfogliare, da ricordare, da portare nel cuore, per sempre.

Tutto questo si fa sicuramente ancor più emozionante, nei giorni che precedono la grande gioia del Natale.


Pensiamo che alcuni balletti classici molto famosi sono ambientati proprio a Natale. Come lo Schiaccianoci, il balletto con musiche di Pëtr Il'ič Čajkovskij.


Questo balletto fu commissionato dal capo dei Teatri Imperiali Russi e deriva dal racconto Schiaccianoci e il re dei topi di Ernst Theodor Amadeus Hoffmann che fu scritto nel 1816.

In Italia arrivò solamente nel 1938, alla Scala di Milano, con la coreografia di Margherita Froman.


Ma la sua attuale popolarità è sicuramente dovuta a Willam Christensen, fondatore della compagnia San Francisco Ballet.


Il successo del balletto deve moltissimo alla coreografia di George Balanchine che ne curò la sua prima rappresentazione nel 1954. Ciò creò una vera e propria tradizione invernale nelle rappresentazioni dell'opera negli Stati Uniti.


In questi giorni il Teatro dell’Opera di Roma ne propone una versione adattata da Giuliano Paparini che ne cura anche la coreografia. Il balletto è in scena dal 20 dicembre 2015 al 7 gennaio 2016.


Un’altra bellissima fiaba che è diventata uno strepitoso balletto, è sicuramente Il lago dei cigni.


La sua prima rappresentazione ebbe luogo al Teatro Bolshoi di Mosca il 20 febbraio 1877. Primo dei tre balletti di Čajkovskij, fu composto tra il 1875 e il 1876.

Grande protagonista, in questo caso, è la piccola Odette al centro di questa storia molto poetica e romantica. Fanno da coreografia i bellissimi chiari di luna che accompagno le trasformazioni dei cigni. Riuscirà l’amore a vincere sul terribile incantesimo?


Ancora, sul tema del balletto e delle fiabe, non possiamo non citare La bella addormentata nel bosco. Si tratta del secondo, per cronologia di composizione, dei tre balletti di Pëtr Il'ič Čajkovskij. Il suo successo dal 1890 ad oggi, fu immediato.

La prova generale avvenne in presenza dello zar Alessandro III e la prima ebbe luogo il 15 gennaio 1890 presso il Mariinsky Theatre di San Pietroburgo. La direzione orchestrale fu di Riccardo Drigo e l'italiana Carlotta Brianza interpretò il ruolo di Aurora.


Protagonisti in questo caso sono proprio la bella principessa Aurora, costretta a crescere lontano dalla sua famiglia e accudita da tre fate madrine, e il suo amato principe. Fanno da sfondo le superbe ed emozionanti musiche di Pëtr Il'ič Čajkovskij alcune davvero indimenticabili.


Molti di questi balletti sono stati poi ripresi nel 1940 dal grande Walt Disney nel suo capolavoro Fantasia.


Tra gli episodi raccontati, abbiamo la Toccata e fuga in Re minore, Lo schiaccianoci, L'apprendista stregone e la strepitosa Danza delle ore.

Un vero capolavoro che difficilmente dimenticheremo. Come indimenticabili sono proprio questi grandi balletti classici, un pezzo di storia russa che ancora ha molto da dirci, e che ancora sa amozionarci tutti.


Maria Serena Cavalieri



File IconVersione per stampa



Cerca nel sito
Per effettuare una ricerca all'interno del sito è sufficiente compilare il campo sottostante.


Newsletter
Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere la newsletter di ComunIcare.


Tagclouds
Educazione, Ricerca, Adolescenti, Didattica, comunicazione, New media, Caterina Cangià, Comunicazione Interpersonale
spacer
© 2007 Comun-ICare. Tutti i diritti riservati | Privacy policy | Conditions of use - P.Iva 05914961007
Cms e sviluppo: Time&Mind